Studio Notarile Associato
Torroni - Deflorian


Via Bruni n. 2
47121 Forlì FC Italy
Tel. +39 0543 370 730
Fax +39 0543 376 599
Email atorroni.2@notariato.it

 

DAL 1° SETTEMBRE 2014 LO STUDIO SI E' TRASFERITO IN FORLI', VIA BRUNI N. 2

RIMANGONO INVARIATI TELEFONO, FAX ED E-MAIL

 

PERCHE’ IL GOVERNO RENZI SBAGLIA A SMANTELLARE IL SISTEMA DEL NOTARIATO IN ITALIA

di Alessandro Torroni*

* Avvocato, Notaio, Pubblicista, Membro della Commissione Regionale di Disciplina dell’Emilia-Romagna

Spesso le cose belle si apprezzano appieno solamente quando le si è perse definitivamente!

Questo potrebbe essere lo slogan per definire il disegno di legge sulla concorrenza presentato alla Camera dei Deputati dal Governo Renzi l’8 aprile scorso che, se approvato – con l’attribuzione agli avvocati della competenza ad autenticare vendite di immobili non abitativi di valore fino ad euro 100 mila – andrebbe a smantellare il sistema di circolazione sicura degli immobili in Italia, mettendo a rischio la sopravvivenza dei circa 5 mila studi notarili esistenti ed il posto di lavoro di 50 mila dipendenti degli stessi studi.

È bene sgomberare il campo da equivoci: il provvedimento non produrrà alcun beneficio per i Cittadini, come è confermato dalla netta presa di posizione delle principali associazioni dei consumatori (Federconsumatori e Adusbef) che hanno gridato allo scandalo, smascherando il tentativo del Governo di attribuire una fetta del mercato delle compravendite immobiliari alle banche, che si avvarranno per le autentiche di avvocati stipendiati, ed alle assicurazioni, che saranno chiamate a produrre le polizze assicurative richieste per le singole operazioni immobiliari.

Non c’è un vantaggio di costi per il cittadino: la prestazione complessiva del Notaio, pubblico ufficiale, garante di entrambe le parti, costa meno dell’1% del valore della transazione immobiliare; è impensabile che le parti, dovendo pagare due consulenti, uno per ciascuna parte, e l’assicurazione dell’operazione possano ottenere un risparmio di spesa.

Ma il punto vero della questione non è questo.

Il Notaio è un pubblico ufficiale che garantisce il risultato giuridico voluto dalle parti, è soggetto a penetranti controlli su tutti i suoi atti con cadenza biennale, da parte del Ministero della giustizia. Per la sua attività è soggetto alla responsabilità civile, con l’onere di dotarsi di un’assicurazione obbligatoria a sue spese fino al valore assicurato di 3 milioni di euro, alla responsabilità penale ed alla responsabilità disciplinare che può essere attivata dal Ministero della giustizia, dalla Procura della Repubblica e dal Consiglio notarile di appartenenza, con il rischio della sospensione dalla sua attività e nei casi più gravi della radiazione.

Ma soprattutto il Notaio è uno studioso del diritto che mette a disposizione dei Cittadini il suo sapere teorico applicato alla pratica degli affari. Quando il Cittadino deve risolvere un problema in materia di acquisto immobiliare, di pianificazione successoria, di gestione della sua azienda si rivolge con la massima fiducia al Notaio, il quale, attraverso il colloquio approfondito con le persone e l’esame della documentazione, prospetta la soluzione migliore – tra le tanti possibili – per realizzare quanto desiderato dai Clienti, anche tenendo conto dei riflessi fiscali dell’operazione.

L’alta specializzazione dei Notai italiani deriva da un percorso di studi particolarmente lungo e approfondito, che culmina nel superamento del concorso tra i più difficili in Europa, dalle competenze specialistiche attribuite al Notaio in esclusiva e da un’attività di formazione continua gestita dal Consiglio Nazionale del Notariato, attraverso la Fondazione del Notariato che organizza decine di Convegni di studio in tutta Italia di altissimo valore scientifico. Gli studi del Notariato sono tra le fonti dottrinali di interpretazione del diritto più autorevoli in assoluto, apprezzati dalle diverse categorie che operano nel mondo del diritto. Sarebbe come ipotizzare che, attribuendo ai medici generici la possibilità di effettuare operazioni chirurgiche, gli stessi possano avere la stessa specializzazione dei chirurghi che si sono preparati espressamente per quell’attività, da loro svolta quotidianamente con una casistica sempre in evoluzione!

La cultura e l’attenzione dei Notai italiani, messe quotidianamente al servizio dei loro Clienti, vengono mortificate da un provvedimento di pura demagogia del Governo Renzi, di fatto mettendo a rischio un sistema giuridico di grande efficienza (con un contenzioso quasi inesistente dello 0,0029%), sistema apprezzato e studiato da vari Paesi leaders mondiali come la Cina, la Russia ed alcuni stati degli USA.

L’onestà intellettuale impone di affermare a chiare lettere che il provvedimento del Governo Renzi è sbagliato e che a pagarne le conseguenze saranno i Cittadini che vedranno diminuita la loro sicurezza giudica (si vedano i danni provocati negli USA dai mutui subprime con 4 milioni di cittadini rimasti senza casa) ed il sistema Italia nel suo complesso che perderà di competitività.

Alessandro Torroni